10 anni di Struttura Intermedia a Padova: una positiva partnership privato/pubblico

Sono passati ormai 10 anni da quando è iniziata a Padova l’esperienza della Struttura Intermedia di Padova, una partnership nata dalla collaborazione tra tra ULSS 16, Azienda Ospedaliera di Padova e Fondazione OIC Onlus ed ospitata all’interno del Complesso Civitas Vitae nella zona Mandria del quartiere Armistizio a Padova.

Si tratta di una modalità operativa che è felicemente riuscita a superare il concetto delle lungodegenze ospedaliere a favore di un percorso che porta verso il “country hospital”, generando concreti benefici assistenziali per il cittadino, coerentemente con l’evolversi dei suoi bisogni per i grandi mutamenti demografici in corso (in particolare l’invecchiamento di massa).

La logica della “struttura intermedia” non solo ha consentito e consente significativi risparmi di denaro pubblico ma permette una più puntuale identificazione e gestione dei bisogni sanitari (assai diversi nel caso di acuzie piuttosto che di terapie lunghe), generando un tangibile beneficio per l’intera comunità.

Per fare il punto della situazione e discutere delle prospettive future, si troveranno a Padova giovedì 6 dicembre dalle 15.00 presso l’Auditorium Pontello Angelo Ferro (Presidente Fondazione OIC onlus), Adriano Cestrone (Direttore Generale Azienda Ospedaliera di Padova e ULSS16), Daniele Donato (Direttore Sanitario Azienda ULSS 16), Domenico Crisarà (Rappresentante dei medici di Guardia medica Azienda ULSS 16), Eugenio Castegnaro (Direttore U.O.C. Lungodegenza Azienda ULSS 16) e Alberto Pilotto (Direttore Geriatria Ospedale Sant’Antonio). Sarà infine Domenico Mantoan (Segretario per la Sanità della Regione Veneto) a concludere la giornata, collegando la validità dell’esperienza dalla Struttura Intermedia con le prospettive del nuovo Piano Sociosanitario regionale.

E’ possibile sperimentalmente pre-registrarsi online CLICCANDO QUI.

 

Tags: , , , , , , , , , ,