Faq

Il Centro Infanzia propone dei percorsi educativi ?
Già dai primissimi mesi di vita il bambino reagisce agli stimoli educativi e si diverte non solo ad osservare gli altri bimbi, ma ad interagire con loro, a manipolare, a cantare, ballare….. I dettagli del nostro progetto pedagogico li potete approfondire cliccando programmazione 2015-2016

Le educatrici sono diplomate?
Gestire un centro d’infanzia implica una formazione pedagogica e psicologica adeguata per offrire il meglio ai bambini. Tutte le nostre educatrici hanno completato questo percorso e possono essere affiancate per alcuni periodi da giovani tirocinanti che lo stanno completando.

Gli spazi gioco sono ampi?
Il materiale didattico e gli spazi sono tra i più ampi di Padova zona. Potete vedere alcune fotografie degli interni e degli esterni del Centro Infanzia navigando negli album di Flickr qui a lato. Attenzione: sappiamo bene che queste foto possono sembrare un po’ fredde ed impersonali perchè ….non ci sono bambini! E’ però una nostra precisa scelta per tutelare la privacy dei più piccoli. Sia il giardino dell’asilo nido sia quello della scuola dell’infanzia dispongono di diverse attrezzature di gioco, naturalmente sicure e sottoposte a periodici controlli.

Quante educatrici ci sono?
La legge attuale prevede che un’ educatrice possa tenere 6 bambini dai 4 mesi ai 18 mesi e 8 bambini dai 18 ai 36 mesi. Ed ovviamente noi rispettiamo questa norma!

L’inserimento quanto dura?
I bambini della fascia nido elaborano la separazione gradualmente, hanno bisogno di tempo e della loro mamma che li accompagni passo passo in questo difficile passaggio. L’esperienza delle educatrici insieme alla sensibilità dei genitori definiranno per ciascun bambino uno specifico percorso temporale

Riunioni con i genitori?
Il rapporto con i genitori ed il supporto psicopedagogico alla loro nuova avventura fanno parte del DNA del Centro Infanzia. Proprio per questo durante l’anno vengono organizzati corsi e riunioni specifici, anche in collaborazione con il Centro Formazione e Ricerca “Varotto Berto” della Fondazione OIC.